Memory City Alex Webb e Rebecca Norris Street Photography


Consigliato: image.php?img=01 - Memory City  Alex Webb e Rebecca Norris  Street Photography - fotostreet.it (4 / 5)

Ci sono opere fotografiche la cui intensità e profondità emozionale va oltre la semplice presentazione di immagini, Memory City ne è un esempio.

Memory City

Memory City Book

 

Fin dalla copertina, si ha l’impressione di trovarsi davanti a qualcosa di diverso, più che un libro fotografico sembra un album dei ricordi, trasandato e consumato dal tempo. In quest’opera Alex Webb (street photographer della Magnum) e Rebecca Norris raccontano la storia di Rochester, cittadina dello stato di New York, in cui fu fondata la Kodak.

Ogni immagine è carica di pathos e apparentemente sembra disconnessa dalle altre, ma pagina dopo pagina, il disegno inizia a divenire via via più chiaro, e si comprende come ogni singola foto sia legata alle altre da un unico filo conduttore, il quale,  alla fine, ci regala una visione completa e chiara di questa città e della sua storia.

Il libro è una costante scoperta, ci fa porre domande e ci fa intuire le risposte, lo stile emozionale di Rebecca Norrisi e la street photography  dai forti toni e dai colori unici di Alex Webb si fondono tra loro insegnandoci ogni volta qualcosa.

IL VESTITO BUONO

Una delle cose che mi ha colpito di più, è che nell’opera, si trovano le foto di tre vestiti, uno della cresima, un del ballo di fine anno e uno del matrimonio, insieme a queste immagini si hanno anche i contact sheet…

Per ogni abito si ha un intero rullino scattato con la medesima inquadratura

memory-city-contact-sheet

Contact Sheet – Secondhand Prom Dress

La domanda nasce spontanea… perchè mai?
La risposta è che, come l’abito buono si mette una sola volta e il suo ricordo si affida alla nostra memoria, anche il rullino fotografico si usa una sola volta e ad esso affidiamo i nostri ricordi.

Questo approccio fotografico crea una profondità emozionale in ogni singolo scatto, nulla è a caso, tutto è al posto giusto, ogni immagine racconta il trascorso storico e lo contestualizza, rapporta il passato con il presente e ci fa quasi toccare il fluire della vita.

Memory City è un’opera unica, che insegna a raccontare, a vedere, ad emozionare.
Consigliatissimo per chi ama vedere oltre.

 

NB: Alcune immagini presentate in bianco e nero derivano da un bellissimo viraggio in b&w di pellicole kodachrome il quale ha permesso di ottenere toni cupi, neri profondi e una grana meravigliosa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.