Mostra Chicago Street Photography – Andrea Scirè e Giuseppe Pons – Trieste

Ebbene si! La prima edizione della Chicago Street Photography Experience va in mostra a Trieste dall’1 al 30 Aprile in occasione di “Le Vie Delle Foto“, l’iniziativa triestina che per un intero mese mette in esposizione i lavori di diversi fotografi italiani e stranieri nei migliori locali del centro cittadino.

L’IDEA

Quando con Giuseppe Pons, street photographer italiano noto per il suo esplosivo colore, siamo tornati dalla Chicago Street Photographyt Experience e abbiamo iniziato ad editare gli scatti, pur essendo andati nei medesimi posti e spesso aver camminato fianco a fianco per tanti km, ci siamo subito resi conto che le nostre visioni erano distinte o meglio avevamo interpretazioni diverse della medesima realtà. Io avevo visto una Chicago Black and White, ricca di contrasti e contraddizioni, riflessi e sospensioni, lui una Chicago colorata e fiera, divertente e stravagante.

Ci trovavamo davanti a due visioni contrapposte e complementari della medesima city!

 

 

CHICAGO IS BLACK OR CHICAGO IS COLOR?

Una domanda che trova risposta solo nell’animo di chi osserva, dall’esplosivo colore di Giuseppe  Pons ai  mie profondi neri la mostra sarà un viaggio in cui l’uso della cromia diviene espressione intima della dailylife urbana.

Giorno 1 Aprile, dalle  17:00 alle 19:00 , con Giuseppe Pons, saremo presenti all’inaugurazione della mostra presso ‘American’, un locale a tema appena innaugurato; sarà un’occasione per poter parlare di street photography e scoprire quelle bizzarre situazioni che ci hanno condotto agli scatti.

Vi aspetto
Andrea 😉

MAGGIORI INFORMAZIONIhttp://www.leviedellefoto.it/

One comment on “Mostra Chicago Street Photography – Andrea Scirè e Giuseppe Pons – Trieste

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>