La regular deadline del Premio Internazionale della Fotografia di Parigi (PX3) scade tra 2 giorni!
Il 15 Maggio infatti sarà l’ultimo giorno in cui sarà possibile caricare le proprie foto…. ma anche no!

Il Trucco dell’Extended Deadline

Tipico dei concorsi del gruppo Farmani è quello di iniziare una lunga sfilza di extended deadline che a seconda dell’annata potranno protrarsi anche per 40 giorni… insomma sanno che i ritardatari e gli indecisi come me sono sempre presenti e dunque non si precludono, attraverso rigide regole, la possibilità di continuare a monetizzare.

Del resto le giurie scelte dal Gruppo sono sempre di altissimo livello e non meno la visibilità che l’evento tende a dare ai vincitori. I premi? Be’… questi concorsi non sono lotterie per far soldi ma vetrine che orientano e confermano determinati trend e visioni, anche sperimentali.

Dunque se non siete ancora sicuri, la vostra serie deve essere ultimata o volete ancora valutare meglio gli scatti da presentare… sappiate che inizieranno una serie infinita di Extended Deadline che vi consentiranno comunque di partecipare pagando un extra fee dovuto al superamento dalla data “Regolare”.

Perchè Partecipare

Perchè partecipare? Innanzitutto per il piacere di far giudicare le proprie foto o meglio la propria visione a illustri e influenti personaggi della fotografia internazionale. Per citarne alcuni Steve McCurry e Susan Baraz (Curatrice e Co-Chair degli IPA Awards) ma anche numerosi curatori e fotografi del National Geographic, Forbes, Corriere della sera e numerosi altri curatori di Gallerie internazionali e fotografi freelance.


Ottenere una menzione o meglio ancora un Prize (Gold, Bronze o Silver che sia) è indice che la vostra visione funziona o è nella giusta strada, dunque, personalmente considero il prezzo pagato per partecipare come un fee per far valutare in modo esterno e ampio alcune visioni e progetti. Infine la partecipazione innesca in me processi di editing e re-visione che la normale fruizione fotografica quotidiana, spesso frenetica, mi fa perdere.

Dunque personalmente, mi ritengo soddisfatto già dal processo stesso di partecipazione e dall’attesa dell’esito. Ovviamente tutto questo viene coronato da una grande emozione e soddisfazione nel caso di vincita… ma è qualcosa di talmente labile che dopo un picco di entusiasmo iniziale lascia immediatamente posto a nuove visioni e nuovi e più affinati percorsi.

Consigli per il PX3

  1. Prima di presentare un progetto, identificate con attenzione la categoria di appartenenza
  2. Osservate con cura cosa è stato presentato e cosa ha vinto negli anni precedenti nella vostra categoria
  3. Se caricate una serie, curate attentamente la sequenza rendendo la comunicazione fluida
  4. Non abbiate paura di sacrificare foto forti a favore di foto più consone alla lettura
  5. Curate con attenzione il testo e il titolo della serie. Spesso sono determinanti
  6. Siate voi stessi, osate e non abbiate paura di inviare progetti nuovi, diversi e assolutamente personali.

Se possono essere di vostra ispirazione di seguito i due progetti che lo scorso hanno, in tempi di pandemia mi hanno portato 2 bronzi. Della serie street: “10 days after there was only silence” vi racconterò qualche aneddoto in uno dei prossimi articoli.

67e146861cea1e1c0069f873966c3dcf 1500x1000 - PX3 - Regular Dead Line - fotostreet.it
10 days after there was only silence – ph Andrea Scirè

b49411844b79de2d06c6bd0d6b9dfbce 668x1000 - PX3 - Regular Dead Line - fotostreet.it
Trust Me (Portrait of my wide) – ph Andrea Scirè

Di Andrea Scirè

Street Photographer e Visual Designer in continua ricerca e sperimentazione autoriale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.